Annette: grazie a Slash School ho sviluppato la mia idea di marketing sociale

Annette: grazie a Slash School ho sviluppato la mia idea di marketing sociale

Annette, come hai conosciuto Slash School? 

«Ricordo che mentre eravamo tutti in lockdown cercavo di approfittare di quel tempo sospeso per imparare qualcosa. Ho iniziato così delle ricerche su internet e ho trovato Slash School. Ho compilato il form per partecipare al corso di Web Marketing e dopo un paio di giorni sono stata contattata da un loro tutor. È stato di una gentilezza incredibile. Mi ha spiegato tutto nel minimo dettaglio, dal percorso didattico agli sbocchi professionali. È così che mi sono convinta sempre di più che quel tempo sospeso doveva essere riempito da qualcosa di utile. Ed è così che mi sono messa in gioco iscrivendomi al corso».

Come valuti i corsi di Slash School?

«I docenti sono fantastici. Ti seguono passo dopo passo e ti incoraggiano in ogni momento. La mia insegnante, Sabrina Polcari, mi è stata molto vicina, ha compreso le mie difficoltà, anche quando per motivi di lavoro non riuscivo a trovare il tempo necessario da dedicare allo studio. Ma lei mi ha spinto a non mollare, anche quando ho tentennato a tal punto da essere in procinto di abbandonare il corso. Ha avuto molta pazienza con me, mi ha supportato e ascoltato. Alla fine è stato un gioco di squadra e per un corso a distanza penso che non sia usuale».

Non hai mollato e alla fine hai presentato il tuo progetto. Ce lo racconti?

«Per la verità ero partita da un’idea di progetto completamente diversa. Sono mamma di due bellissimi bambini ed avevo in mente di sviluppare una community dedicata ai genitori. Mi sono resa conto, però, che mancava qualcosa al mio progetto. Quindi la svolta, dettata dal confronto con Sabrina prima e dall’incontro con una amica poi. È proprio parlando con la mia amica che mi è scattata la molla. Era un momento particolare in cui la gente aveva ed ha ancora oggi bisogna di aiuto. Di qui l’idea di progetto: realizzare una community di supporto online».

In che senso…?

«L’obiettivo è quello di aprire uno sportello online che offra assistenza alle famiglie migranti  latino-americane che si sono trasferite o che vogliono trasferirsi in Italia. Una community che contemporaneamente offre servizi utili. Ad esempio: come sbrigare le pratiche amministrative, consulenza e assistenza fiscale, ma anche supporto psicologico e culturale. Grazie a questo sportello i cittadini stranieri potranno trovare ascolto, sostegno, orientamento nell’accesso delle risorse dedicate alle famiglie sul territorio, anche con idee di attività da svolgere insieme, articoli di collaboratori, streaming con famiglie che raccontano le proprie testimonianze».

Consiglieresti Slash School?

«Assolutamente sì. Consiglierei i corsi della Slash School perché oltre all’apprendimento è davvero una bella esperienza, che personalmente a me ha aiutato tanto».

Non è presente nessun commento.

Lascia un commento